logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


REGNO UNITO, NUOVE LINEE GUIDA: L'EUTANASIA SOFT DEGLI INGLESI

di Benedetta Frigerio
(articolo tratto da "Tempi" - Giugno 2011)
Ancora manca una legge sul fine vita ma le ultime notizie non promettono niente di buono. Con l'obiettivo di frenare l'eutanasia passiva, spesso praticata per colpa delle vecchie linee guida, l'ordine dei medici di base inglesi ne ha redatte di nuove. I pazienti indicheranno, senza alcun tipo di vincolo, come vogliono essere trattati in caso di malattia grave.

Il Corriere della Sera di giovedì 2 giugno apriva con il titolo “In Gran Bretagna l'eutanasia gestita dai medici di base”. Oltre a essere forte, il titolo è anche fuorviante perché in Inghilterra, dove si sta discutendo una legge sul testamento biologico, una legge statale sul fine vita ancora non c'è.
L'articolo si riferisce, infatti, a delle linee guida varate dall'ordine che raccoglie i medici di base inglesi, il Royal College dei General Practitioner, in cui si chiede ai pazienti di scrivere precisamente come vogliono essere trattati in caso di malattia grave. Il documento è ambiguo e non presenta vincoli di alcun tipo. Nonostante questo, scrivono i giornali inglesi, dovrebbe servire a frenare l'eutanasia passiva già effettuata dai medici senza consenso né dei pazienti né dei parenti.
Di fatto in Gran Bretagna nel 2004 furono consigliate dal servizio sanitario nazionale altre linee guida, contenute nel Liverpool Care Pathway (Lcp). Il protocollo è definito come «un percorso di cura integrata utilizzato al capezzale per incrementare un'elevata qualità del morente» e permette la sospensione di alimentazione e idratazione, sostituibili nelle ultime ore con la morfina. Questa prassi, normale e non eutanasica quando il paziente è ormai nelle ultime ore di vita, veniva però usata a sproposito e in maniera letale, come dimostrato dalle denunce di pazienti e parenti. «In alcuni casi infatti – riporta il Daily Telgraph di mercoledì 1 giugno – lo staff ospedaliero è stato accusato di accelerare la morte dei pazienti senza informare i parenti. Perciò, il Liverpool Care Pathway (...) è stato spesso criticato da esperti preoccupati che venga permesso di morire a pazienti che potrebbero anche riprendersi».
E' quindi per ovviare alla prassi mortifera introdotta dall'Lcp, spiega sempre il quotidiano inglese, che ieri sarebbero uscite le nuove linee guida del Royal College. In realtà, il documento sembra più che altro uno strumento voluto dai medici per difendersi da eventuali denunce.
Si richiede, infatti, al paziente di scrivere esattamente come desidera essere trattato in caso di malattia grave, ma siccome nel protocollo non vengono specificati vincoli di alcun tipo, il problema dell'eutanasia rimane. In compenso, i dottori sono deresponsabilizzati. «Uno strumento legale che vuole arginare l'eutanasia ma che di fatto permette che un paziente scriva come i medici si debbano comportare nel caso di incapacità di esprimersi, è comunque rischioso» ha dichiarato l'avvocato Charles Foster, membro del comitato bioetico di Oxford.
Foster ha poi avvertito che si dovrebbe sapere che «spesso i pazienti si attaccano alla vita proprio quando si fa più dura e che la volontà dovrebbe sempre essere attuale».
Per lo stesso motivo la Chiesa cattolica inglese, già durante il dibattito legislativo sul fine vita, aveva precisato che qualsiasi norma o regolamento in questo campo è destinata solamente a fare danni: «Condividiamo – avevano scritto 750 sacerdoti – la grande preoccupazione di quei cattolici esperti in medicina legale che hanno ammonito che le disposizioni normative quali quella che dà forza legale ai “testamenti viventi”, costringerà i medici a smettere l'assistenza a vita (come l'alimentazione o l'idratazione) o il trattamento medico». Non solo, la Chiesa cattolica aveva già avvertito che i testamenti spingono le persone a pensare «di essere un peso per gli altri e a credere che ci siano casi in cui la vita non è degna di essere vissuta, così il diritto a morire potrebbe anche trasformarsi in un dovere a morire».
Così, anche questo secondo protocollo del Royal College non tranquillizza chi si oppone all'eutanasia ma neanche la permette esplicitamente, come il titolo del Corriere della Sera suggeriva in modo erroneo.
Segnala ad un amico
COMMENTA L'ARTICOLO
Nome e cognome
Indirizzo e-mail
Commento
 
     
COMMENTI
- - -
 
 
 
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467