logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


FECONDAZIONE ARTIFICIALE: NASCE IL PRIMO BAMBINO OGM

(articolo tratto da "Corrispondenza Romana" - Marzo 2011)
In un centro spagnolo di riproduzione assistita è stato effettuato un procedimento di selezione genetica di embrioni non affetti da una malattia legata ad un unico gene (come previsto dalla legge spagnola).
Attraverso tale procedimento sono stati prodotti diversi embrioni da una coppia in cui uno dei due genitori risultava portatore di un gene malato responsabile del cancro al pancreas e successivamente due di questi embrioni sani sono stati impiantati nell’utero della donna. Uno dei due è sopravvissuto e sarà libero dal tumore al pancreas (“Il Giornale”, 18 marzo 2011).
Ormai, il delirio di onnipotenza di cui è affetta buona parte della scienza medica non ha più confini e va ben oltre il legittimo desiderio di curare o prevenire le malattie. Innanzitutto, la vita di un essere umano è costata la morte di un innocente generato in laboratorio e volutamente sacrificato per far spazio all’altro, inoltre un numero imprecisato di individui prodotti sono stati eliminati perché non immuni dalla malattia, dunque inutili ai fini del successo dell’esperimento.
Com’è possibile inneggiare al successo con tali risultati? Il punto è che l’obiettivo principale non è preservare da talune malattie il genere umano ma utilizzare la scienza medica e la tecnica per fini strumentali ed autoreferenziali. In altre parole, ciò che si ricerca è la gloria ed il successo (soprattutto mediatico) non certo il vero bene delle persone. Quale futuro per il bambino sano sopravvissuto alla strage programmata?
Certo, non si ammalerà di cancro al pancreas ma non sarà immune dalle altre innumerevoli malattie che colpiscono il genere umano; anzi, i bambini nati attraverso la tecnica della fecondazione artificiale risultano statisticamente più vulnerabile e la loro aspettativa di vita è decisamente inferiore rispetto a quelli nati normalmente. Inoltre, egli non è il frutto dell’amore coniugale ma il semplice prodotto di una fabbrica di produzione di creature umane in serie e la sua esistenza sarà per sempre “sporcata” dal sangue versato dai suoi fratelli.
Segnala ad un amico
COMMENTA L'ARTICOLO
Nome e cognome
Indirizzo e-mail
Commento
 
     
COMMENTI
08-05-2011 • GENNARO LO CICERO
QUANDO SI SCARDINA UNA COSCIENZA SI SCARDINA IL MONDO.
 
 
 
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467