logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


BIOETICA: OBAMA PREFERISCE I "TECNICI" AI "FILOSOFI"

(articolo tratto da "Corrispondenza Romana" - Luglio 2010)
Non sorprendono certo le ultime decisioni del Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, in fatto di bioetica. Sono passate sotto silenzio, i grandi media non ne hanno parlato. Ed anche questo c’era da aspettarselo. Tuttavia, carta canta.
Il periodico “Le Scienze”, edizione italiana del “Scientific American”, annuncia nel numero di giugno l’“epurazione” attuata dall’inquilino della Casa Bianca nella nuova Commissione Presidenziale di bioetica, in cui ha rimpiazzato molti eticisti e religiosi con scienziati ed “esperti” di politiche della ricerca. Questa, ora, la composizione: 6 scienziati, 2 giuristi, 2 filosofi, 1 frate
francescano, 3 membri di agenzie governative, 1 rappresentante di un’associazione di pazienti e – per la prima volta – 1 rappresentante dei nativi americani. Evidente la disparità di forze in campo, per assicurare quanto meno una equilibrio tra concezioni e sensibilità.
Del resto, il Presidente statunitense lo aveva promesso: lo staff eletto dalla precedente amministrazione Bush, caratterizzato viceversa da un’ampia rappresentanza conservatrice cristiana, aveva avuto il coraggio di criticare con fermezza la decisione di Obama di allentare le severe restrizioni imposte alle istituzioni pubbliche, che intendessero far ricerca utilizzando cellule staminali embrionali. E, alla prima occasione, ha presentato il conto, senza peraltro
nascondersi dietro un dito. Anzi, ha dichiarato con orgoglio di aver eliminato quanti volessero «politicizzare» tale organismo istituzionale «per favorire agende ideologiche predeterminate» (sic), preferendo ad una guida a carattere filosofico e religioso «analisi pratiche e legate alla necessità di regolamentazione». Poco ci manca rispetto all’alienante definizione marxista della fede quale «oppio dei popoli». Forse oppio no o non ancora, ma sicuramente “ideologia” lo è già, almeno per l’attuale Presidente degli Stati Uniti. Lo stesso Presidente della nuova Commissione Presidenziale di bioetica non è più un bioeticista, bensì una politologa dell’Università della Pennsylvania, Amy Gutmann.
La Commissione entrata ora in servizio, a schiacciante prevalenza di “tecnici”, pur avendo un ruolo “solo” consultivo, è chiamata ad elaborare pareri su tematiche particolarmente sensibili e controverse, dai finanziamenti alla ricerca sulle cellule staminali al brevetto su sequenze genetiche umane sino ai conflitti d’interesse nel campo della ricerca biomedica. Un segnale chiarissimo giunge dal fatto che “certa” comunità scientifica esulti e che lo stesso periodico “Le Scienze” speri in una maggiore «libertà di sperimentazione». Non importa a danno di chi...
 
Segnala ad un amico
COMMENTI
- - -
 
 
 
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467