logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


PADOVA, TENSIONE ALLE STELLE TRA RESIDENTI ED EXTRACOMUNITARI

Spedizione punitiva in via Manara. Preoccupazione per l’escalation di avvenimenti

Cresce a Padova l’esasperazione verso gli extracomunitari, per il degrado in cui è sprofondato il quartiere della Stanga. Un escalation di avvenimenti molto preoccupante, culminata, nei giorni scorsi, con la spedizione di alcuni italiani nel condominio di via Manara in cui tempo prima erano stati aggrediti due carabinieri. Apice dell’insofferenza o un preoccupante salto di qualità che non si sa dove possa portare? Le forze dell’ordine sono intervenute in seguito alla segnalazione di una scorribanda vandalica che, secondo i residenti stranieri dello stabile, sarebbe stata messa a segno contro persone di varie nazionalità nella palazzina al civico 37 che, così come quella al 39, da mesi è monitorata quotidianamente per la presenza di pusher, prostitute e tossicodipendenti. E durante una recente ispezione, i militari hanno trovato anche un paio di ristoranti nigeriani abusivi. Per isolare le palazzine è stata già decisa l’edificazione di due cancellate lunghe circa sei metri e alte tre: una collegherà lo spazio fra degli edifici al 37 e al 39, mentre l’altra correrà parallela a via Grassi, dove le prostitute sono solite far parcheggiare i clienti. I residenti aspettavano le barriere come regalo di natale, ma dovranno attendere ancora. Così a Padova, dopo il muro storico di via Anelli, quelli recenti di via Galliano e via Venezia, e le sbarre alla Pescarola, il conto delle barriere anti- degrado installate dall’estate 2006 dalla giunta Zanonato ammonterà a 114 metri. Ma il muro promesso in via Manara ancora non c’è. Questione di giorni, dicono in Comune, ma la tensione tra i padovani, da una parte, spacciatori, prostitute, tossicodipendenti e trafficanti vari, dall’altra, cresce di ora in ora. L’intera area è ormai diventata una sorta di suk, conseguenza da più parti paventata dopo lo sgombero degli alloggi del complesso Serenissima in via Anelli. Se prima c’era, insomma, un grande ghetto, ora il degrado si è frastagliato in tutta la città.
 
Segnala ad un amico
COMMENTI
- - -
 
 
 
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467