logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


CONTROLLI MAGGIORI E CERTEZZA DELLA PENA

Questa la ricetta di Occidens di fronte al dilagare dei reati e alla crescente paura tra la gente
Spaccio di droga, furti, rapine a mano armata, risse e accoltellamenti, per giungere sino all’atto estremo di un omicidio. Notizie, queste, che ogni giorno rimbombano cupe tra le mura delle nostre case. Fatti gravissimi da tutta Italia di quella cronaca che una volta veniva definita “nera”, ma che oggi, purtroppo, sarebbe più giusto e appropriato definire “ordinaria”. E che spesso, troppo spesso, vedono coinvolti immigrati extracomunitari. La realtà dei fatti è sotto gli occhi di tutti: l’aumento del lavoro nero, della prostituzione e del narcotraffico è legato ormai a doppio filo a gruppi di stranieri dell’Europa dell’Est o africani introdottisi in Italia, quasi sempre, in modo illegale. Le conseguenze? Interi quartieri trasformati in zone franche, dove neppure le forze dell’ordine si azzardano a entrare o comunque lo fanno in punta di piedi e una rassegnazione che, tra la gente, si fa ogni giorno sempre più pesante. I cittadini chiedono risposte e rassicurazioni alle istituzioni, che però la maggior parte delle volte latitano, magari per mancanza di risorse. E’ notizia diffusa pochi giorni dai maggiori telegiornali nazionali che a Parma, da sempre una delle città simbolo del viver bene, ogni notte siano in azione due volanti di polizia per un territorio che ospita circa centotrentamila abitanti. E il numero dei crimini si dilata oltremodo. Un esempio, questo, che spiega bene la dimensione del problema: da una parte i reati che aumentano; dall’altra, i tagli di chi, al contrario, dovrebbe vigilare (il Governo in primis) sulla nostra incolumità e che invece finisce con il costringere le forze dell’ordine a lottare contro i mulini a vento. L’associazione Occidens lancia un appello alle autorità, affinché si cerchi di porre un limite immediato a questo degrado, prima che la situazione degeneri del tutto e che i privati cittadini, sfiniti da questo crescente clima di paura e insicurezza, decidano di farsi giustizia per conto loro. Ok all’incontro tra culture, ma non confuso e improvvisato come avviene in Italia, sì a controlli maggiori, leggi più severe e, soprattutto, alla certezza della pena per chi infrange la legge. E maggiore attenzione alle scarcerazioni facili e agli arresti domiciliari. Questa, a nostro avviso, è la via da seguire.
 
Segnala ad un amico
COMMENTI
- - -
 
 
 
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467