logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


L'ARABIA SAUDITA INCARCERA 35 CRISTIANI PERCHE' PREGANO, MA E' UN ESEMPIO DI TOLLERANZA IN EUROPA
di Leone Grotti
(articolo tratto da "Tempi" - Aprile 2012)
Trentacinque cristiani di origine etiope sono detenuti in carcere in Arabia Saudita. Il loro crimine? Essersi riuniti in casa di un privato, nella città di Jeddah, per pregare. Il 15 dicembre la polizia saudita ha fatto irruzione nella casa dove i cristiani, soprattutto donne, si erano riuniti. Li hanno arrestati e portati in cella. Nonostante le pressioni internazionali, l’Arabia Saudita si è rifiutata di rilasciare i prigionieri.
La posizione ufficiale del governo è sempre la stessa: in Arabia Saudita i lavoratori non musulmani non possono celebrare il proprio culto in pubblico, ma in privato sì. La nozione di “privato” resta però poco chiara. Il governo saudita afferma che finché le riunioni si fanno in piccoli gruppi e in case private, nessun organo della sicurezza debba intervenire. Questa posizione ufficiale, come è chiaro anche dal caso dei 35 etiopi, viene però smentita di fatto e la polizia religiosa saudita continua a fare le sue “incursioni” in case private.
La decisione di non rilasciare i cristiani contraddice quanto l’Arabia Saudita afferma pubblicamente non solo riguardo alla legislazione, ma anche in incontri tenuti in tutto il mondo. Nel luglio del 2008, ad esempio, il paese ha promosso una conferenza interreligiosa in Spagna per promuovere la tolleranza e la reciproca comprensione tra i fedeli delle diverse religioni. Nell’ottobre dello scorso anno ha addirittura stabilito in Austria un Centro per il dialogo interreligioso e interculturale.
Ma nonostante gli sforzi per apparire tollerante in giro per il mondo, la realtà in patria, dove il 5 per cento della popolazione è cristiana e sono presenti due milioni di cattolici, soprattutto immigrati filippini per lavoro, è ben diversa. In particolare, è difficile parlare di tolleranza quando la massima autorità della legge islamica in Arabia Saudita, il Gran Muftì Sheikh Abdul Aziz bin Abdullah, dichiara pubblicamente (senza essere ripreso dai giornali occidentali) come ha fatto poco tempo fa: «Tutte le chiese all’interno della Penisola arabica devono essere distrutte, deve esserci una sola religione».
COMMENTA L'ARTICOLO
Nome e cognome
Indirizzo e-mail
Commento
 
     
COMMENTI
4-5-2012 • EUGENIO FERRO
Ora basta di rimanere inerti nella difesa dei nostri fratelli nel mondo, che vengono perseguitati e uccisi, ci dobbiamo svegliare uniti nel difendere i nostri valori, chi ci guiderà, come fare ? Siamo pronti, a non aspettare oltre, per agire e portare vera solidarietà ai nostri fratelli cristiani.
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467