logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


IL BELGIO, FRA UN POPOLO CATTOLICO ED UNA COSTITUZIONE LIBERALDEMOCRATICA
di Claudio Bernabei
Sua Santita Papa Benedetto XVI ci ricorda nel Suo Magistero che <la sapienza della Chiesa ha sempre proposto di tenere presente il peccato originale anche nell’interpretazione dei fatti sociali> (SS. Papa Benedetto XVI, Caritas in Veritate, § 34, Citta del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 2009, p.35).
Al contrario alcuni ambienti cattolici hanno negli ultimi anni entusiasticamente abbracciato l’illuministica bandiera del Libero Mercato, cosa assai diversa dalla difesa della visione romana e cristiana della Proprieta Privata, in quanto esso si basa sull’implicita negazione del peccato originale.Ciò è avvenuto nell’infantile illusione che lo Stato liberaldemocratico, bastione del Libero Mercato, offrisse a Santa Madre Chiesa quelle garanzie di liberta che gli Stati fondati sul Marx-Leninismo, sulla Sharia, sul Confucianesimo o sul Tribalismo nativo negano fermamente e talvolta persino ferocemente.
Il fatto della recente aggressione alla Chiesa Cattolica belga, addirittura aggravata dall’atteggiamento derisorio con il quale esponenti del Governo belga hanno respinto le proteste vaticane, ci riporta di fronte alla realtà.
La realta di uno Stato decentrato e federalista, promotore del superamento della sovranita statale nell’Unione Europea, difensore del Libero Mercato, con una Costituzione di stampo liberaldemocratico, tollerante al punto di avere degli omosessuali dichiarati fra i massimi esponenti della politica, il quale Stato si e mosso contro le Gerarchie ed i luoghi sacri del Cattolicesimo belga con una violenza degna degli incursori saraceni, dei Giacobini, degli Anarchici e dei Comunisti.
La realtà dei fatti e dura, ma ci si va a sbattere contro solo se si tengono chiusi gli occhi del pensiero, solo se non si vede che una Costituzione liberaldemocratica altro non e, e lo afferma un liberaldemocratico come Nicola Matteucci, che <quella tecnica giuridica attraverso la quale ai cittadini viene assicurato l’esercizio dei loro diritti individuali e, nel contempo, lo Stato è posto nella condizione di non poterli violare.
Se le tecniche variano secondo i tempi e le tradizioni di ciascun paese, l’ideale delle libertà del cittadino resta il fine ultimo in vista del quale queste tecniche vengono preordinate o organizzate> (Nicola Matteucci, Costituzionalismo, in Norberto Bobbio, Nicola Matteucci, Gianfranco Pasquino, Dizionario di Politica, Novara, De Agostini, 2006, p.429).
Ma il Romano Pontefice ci ammonisce che <l’assolutismo della tecnica tende a produrre un’incapacità di percepire cio che non si spiega con la semplice materia. Eppure tutti gli uomini sperimentano i tanti aspetti immateriali e spirituali della loro vita> ( SS. Papa Benedetto XVI, cit., § 77, p.77).
E quale sia lo spirito di una Costituzione liberaldemocratica ce lo ricorda Norberto Bobbio affermando che, per quanto riguarda la <concezione liberale dello Stato, il punto di partenza fu il celebre discorso di Benjamin Constant su La libertà degli antichi comparata a quella dei moderni.
Per Constant la libertà dei moderni, che deve essere promossa e accresciuta, è la libertà individuale nei riguardi dello Stato, quella libertà di cui sono manifestazione concreta le libertà civili (…) mentre la liberta degli antichi, che l’espansione dei commerci ha reso impraticabile, anzi dannosa, è la liberta intesa come partecipazione diretta alla formazione delle leggi attraverso il corpo politico di cui l’assemblea dei cittadini è la massima espressione> (Norberto Bobbio, Democrazia, in Dizionario di politica, cit., p.505).
Percio abbiamo due diverse concezioni della democrazia:
una, quella degli “antichi” ossia dell’eta classica greco-romana e dell’eta cristiana, oggi sprezzantemente definita <democrazia populistica, il cui principio fondamentale è la sovranita della maggioranza”> (Norberto Bobbio, cit., p.513);
un’altra, quella “moderna”, liberaldemocratica, una democrazia in cui ad essere sovrano non è il popolo ma la Costituzione, perché <soltanto un ordinamento giuridico puo essere ‘sovrano’, cioe, un’autoritàa suprema”> (Hans Kelsen, Teoria generale del diritto e dello Stato, Milano, ETAS, 1994, p.389).
Ma essendo la Costituzione non una persona, ma un idolo di carta, ad essere sovrani sono i suoi sacerdoti, ossia Magistrati e Politici di professione, i quali proclamano di agire in difesa delle liberta civili.
Ed un maestro del pensiero cattolico come Plinio Corrêa de Oliveira ricorda a noi ed a quei Cattolici infatuati del Libero Mercato che <il liberalismo dà poca importanza alla libertà per il bene. Gli interessa solo la libertà per il male .
Quando è al potere toglie facilmente e perfino con soddisfazione al bene la liberta, in tutta la misura possibile. Ma protegge, favorisce, sostiene, in molti modi, la libertà per il male. In questo dimostra la sua opposizione alla civilta cattolica, che dà al bene tutto l’appoggio e tutta la liberta e limita, per quanto possibile, il male.
Ora, questa liberta per il male è precisamente la liberta così come è intesa dall’uomo in quanto ‘rivoluzionario’ nel suo intimo, cioè in quanto consente alla tirannia delle passioni sulla sua intelligenza e sulla sua volonta> (Plinio Corrêa de Oliveira, Rivoluzione e Contro-Rivoluzione, Roma, Luci sull’Est, 1998, p.69).
Dopo queste riflessioni, come stupirsi di quanto è successo in Belgio e potrebbe accadere negli Stati Uniti d’America?
 
Segnala ad un amico
COMMENTI
- - -
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467