logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


IL CALENDARIO CARITAS DIMENTICA I SANTI E FESTEGGIA MAOMETTO

Ricorrenze islamiche, cinesi e laiche nell’almanacco della diocesi di Adria-Rovigo. E pochissime quelle cattoliche


di Alessandro Gnocchi e Mario Palmaro
(articolo tratto da "Libero" del 6 Gennaio 2010)
Un calendario 2010 che mescola insieme ricorrenze cattoliche musulmane, ortodosse e cinesi, il tutto in un tripudio di "giornate", da quella per la pace a quella per il risparmio energetico.
Di questi tempi, nei quali vanno di moda le "contaminazioni" e il "meltingpot", non ci sarebbe nulla di originale, se non fosse che a curare e diffondere un simile almanacco è un giornale cattolico, e precisamente il periodico della Diocesi di Adria-Rovigo «La Settimana». Che per il nuovo anno ha pensato bene di offrire ai suoi lettori un calendario nel quale accanto al Santo Natale e all'Epifania (che per errore è però collocata curiosamente al 3 e non al 6 gennaio), compaiono in bella evidenza la musulmana ascensione del Profeta, la festa cinese della luna e il Ramadan. «Che male c'è?» dirà qualcuno. «In fondo, un anno è lungo, e c'è posto per tutti». Il guaio è che, quando si imbocca a tutta velocità la strada dell'ecumenismo e del sincretismo delle fedi, quando si getta benzina sul fuoco che alimenta l'indifferentismo religioso al grido di "crediamo tutti nello stesso Dio", quando si strizza l'occhio al "volemmossebbene" interculturale, succede che non ci si limita ad aggiungere, ma si inizia con il togliere, con il tagliare, con il perdere per strada pezzi della propria identità. Uno, magari, pensa di ragionare come i vecchi imbonitori da fiera e sta sulla porta urlando «Più credenze entrano e più feste si vedono» e poi finisce per rimanere fuori proprio lui.
SANTA OBIEZIONE
Tanto che, scorrendo questo calendario "ecumenico", la prima cosa che balza all'occhio è la scomparsa dei santi. Ne sopravvive solo una sparuta rappresentanza forse tra quelli ritenuti più politicamente corretti: San Massimiliano (patrono degli obiettori di coscienza), San Francesco (patrono d'Italia) e Santo Stefano (senza spiegazioni). Scompare ogni riferimento al Giovedì Santo (quando Gesù istituisce il sacramento dell'eucarestia). A luglio si staglia, unica in tutta la pagina, la musulmana ascensione del Profeta (con la "P" maiuscola), mentre ad agosto si ricorda, in coda al Ramadan e alla giornata internazionale della gioventù, l'Assunzione di Maria vergine (con la "v" minuscola). L'Immacolata concezione di Maria sta appiattita fra il capodanno musulmano e la giornata internazionale dei diritti umani. Il 16 maggio non è il giorno dell'Ascensione di Nostro Signore, ma la 44^ giornata delle comunicazioni sociali. E a settembre?
Arrivano la 5^ giornata per la salvaguardia del creato, il Lialat Al qudir, la fine del Ramadan, la giornata internazionale della pace e la festa cinese della luna. Con buona pace delle feste mariane il primo gennaio si celebra la "43^ giornata della pace", ed è vero, ma probabilmente non secondo l'anelito politicamente corretto degli estensori del calendario. In compenso, non si dice che, prima di tutto, il Capodanno è la festa di Maria Madre di Dio, ed è questo il motivo per cui la Chiesa stabilisce fra l'altro il precetto di assistere alla Messa. Se il buon giorno si vede dal mattino, si capisce che nel calendario politicamente corretto le "giornate" devono ritagliarsi un ruolo da protagoniste. Se ne contano in tutto ben 34: dalla giornata del risparmio energetico, a quella dei consumatori.
Questa mania delle "giornate", che piace tanto anche a un gran numero di cattolici, è una trovata efficace per mandare in soffitta il vecchio calendario canonico, nel quale il tempo è scandito da feste dei Santi e ricorrenze liturgiche. Una strategia indolore grazie alla quale si impone un nuovo "calendario laico" in cui Dio scompare per essere rimpiazzato dalla Giornata Internazionale della Meteorologia e dalla Giornata Internazionale dell'Infermiere. Il vecchio progetto giacobino che non riuscì ai rivoluzionari, oggi sembra andare in porto, grazie alle agende acquistate in cartoleria o ricevute in dono dalla propria banca, nelle quali sono stati rimossi come pericolosi bacilli infettivi i nomi dei santi e talvolta perfino il Natale o la Pasqua.
L'Europa che dà lo sfratto esecutivo ai Crocefissi vuole sloggiare il Nazareno anche dal calendario. Ma c'è da restare di stucco nel vedere che siano proprio dei cattolici ad alimentare lo stato confusionale degli almanacchi, rimuovendo le ricorrenze cattoliche e rimpiazzandole con le "giornate" laiche e con le festività di altre religioni.
REAZIONI
Uno sconcerto che ha suscitato le reazioni di qualche fedele della diocesi di Adria-Rovigo. Francesca Pivirotto ha scritto alla "Settimana": «Non appenderò in casa il vostro calendario. Capisco che possiate pensare che quello che appendo o non appendo in casa mia sono affari miei. Probabilmente avete ragione, ma sentivo il bisogno di rendere pubbliche le mie proteste. Davvero l'integrazione passa attraverso la distruzione sistematica non solo della nostra cultura ma anche della nostra identità religiosa (operata per giunta da strutture interne alla diocesi)? Io non ne sono convinta, per cui ho appeso in casa il calendario che mi ha dato il mio amico legatore: ogni giorno un Santo a tenermi compagnia e a ricordarmi che sono cattolica, apostolica, romana.
Ogni giorno dell'anno un cattolico deve affrontare la vita con Cristo. Lui è la soluzione (la Via), non un ostacolo all'integrazione e a tutto il resto».
Se, al momento di andare in stampa con questo articolo, non è cambiato qualcosa, anche a noi risulta che sia così.
 
Segnala ad un amico
COMMENTI
13-01-2010 • ADRIANO FERRO
Appartengo a quella diocesi. Sono quasi senza parole. Se l'islam un giorno, ahinoi, s'imporrà, non sarà per la sua forza, ma per la nostra debolezza, la nostra vigliaccheria; spacciata ovviamente per buonismo, altruismo, apertura mentale, spirito d'accoglienza. Ma sarà sempre vigliaccheria. E Gesù non ha mai detto che i vigliacchi meritino il Paradiso. Semmai il contrario.
13-01-2010 • FRANCO MASINI
Si fa presto a dire "...scrivi il tuo commento", ma non é facile. Non in questo caso perché indubbiamente c'é un qualche cosa che sfugge alla nostra, alla mia, comprensione e cioé quel accostare su un innocente calendario due religioni rivelare ossia la Cristiana (Cattolica ma credo anche le altre riformate)e la Musulmana (perché allora non l'Ebraica?). Io non credo che il fine sia stato quello paventato dalla signora che ha scritto la lettera e cioé di umiliare la nostra religione a favore dell'altra, quella musulmana, credo invece che intento della Chiesa parrocchiale o Diocesi di Padova sia stato quello diametralmente opposto di amalgamare, dare spazio, tollerare insomma le due religioni che vantano si può tranquillamente dire la metà della Terra (per ciascuna). Che dire? Personalmente non sarei contrario, anzi, sarei felice che una buona volta le due religioni invece di contrastarsi come spesso avviene (anche da noi sebbene non in modo cruento, almeno per ora)si tollerassero, si amalgamassero, si amassero. In fondo é quello che Papa Woitiwa aveva auspicato con i suoi incontri di Assisi, no? Penso che in ogni caso si debba facilitare il dialogo e non la disputa.
14-01-2010 • ANGELO LUPI TARANTINO
Stato confusionale ? Troppo buoni e, se non leggessi il tono volutamente ironico dell'articolo e non sapessi chi ne è l'estensore penserei all'ennesimo caso di posizioni politicamente corrette. Sono rattristato prima d'essere indignato dal tradimento dei curatori del cosidetto calendario e solo la certezza che prima di ogni cosa esiste la Divina Provvidenza a supplire alle mancanze umane, agli errori e ai tradimenti veri e propri come questo, impedisce di sentirsi sfiduciati e disgustati come altri indotti in confusione proprio da chi dovrebbe lottare e difendere la Chiesa di Dio e con essa tutta la Civiltà che abbiamo ereditato. E qui, piaccia o no, il discorso si fa politico, dell'etica di questa nostra società e della coerenza della politica.
15-01-2010 • ADELE BUCCHIERI
La parola integrare viene dalla radice latina "integer" che vuol dire moralmente sano, corretto; o anche da "integrus" ovvero intero, integro. Pertanto, quando a sproposito si parla di integrazione e si vuole l'assimilazione di una minoranza come una forzata esaltazione della cultura e della tradizione che le è propria, si tende a sminuire la matrice culturale accogliente. Questa manovra porta all'esasperazione dei fenomeni striscianti di xenofobia che inevitabilmente accomunano il nuovo con il pericolo, l'estraneo con la perdita di identità. ATTENZIONE quindi a questi "accomodamenti" poco spontanei e condivisi: l'integrazione vera è un'evoluzione lenta e graduale che ha soprattutto bisogno della libera scelta personale e della consapevolezza critica del primato della civiltà occidentale.
19-01-2010 • ADRIANO FERRO
Ma chi ha ricordato nel mese di luglio l'ascensione del Profeta, si è documentato sulla sua vita e sul Corano, o crede che l'Islam predichi l'amore del prossimo, come il Cristianesimo, e che tutto sommato le due religioni (e magari tutte le religioni) si assomiglino, perché si richiamano ad Abramo come capostipite? In questo caso l'unico commento che mi viene di fare è la frase di Gesù sulla croce: «Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno» (Lc 23,34.
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467