logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


Ama il tuo nemico

MASAB JOSEPH YOUSEF


L'infanzia a pane e sharia, il capo di Hamas in casa, l'odio per Israele. Poi la conversione al cristianesimo. L'incredibile storia del ragazzo che ha lasciato tutto per una parola che non aveva mai sentito
di Avi Issacharoff
(articolo tratto da "Tempi" - Agosto 2008)
Un attimo prima di iniziare la cena, Masab, figlio di Sheikh Hassan Yousef,
capo di Hamas in Cisgiordania, lancia uno sguardo all'amico lì con noi al ristorante. Si sussurrano qualcosa e dicono una preghiera, ringraziando Dio e Gesù per il cibo che hanno. Ci vogliono alcuni istanti per digerire quest'evento: il figlio di un parlamentare di Hamas che è anche la figura più famosa dell'organizzazione islamica estremista in Cisgiordania, il giovanotto che per anni assistette suo padre nelle sue attività politiche è diventato un cristiano.
Poco dopo si gusta il suo pasto, spiegando che ultimamente, a causa di problemi finanziari, non sta mangiando molto. In quest'ultima settimana ha vissuto con un amico, naturalmente cristiano, che ha conosciuto in chiesa. «Senza di lui - spiega - sarei senza tetto». Il giovane Yousef capisce bene le implicazioni di questa intervista, probabilmente offenderà la sua famiglia, e
probabilmente non potrà mai più rientrare a Ramallah. Ma, apparentemente, la sua è una crociata personale. «So che sto mettendo in grave pericolo la mia vita e che potrei perfino perdere mio padre, ma spero che lui capisca tutto questo e che Dio dia a lui e al resto della mia famiglia la pazienza e disponibilità di aprire gli occhi a Gesù e al cristianesimo. Magari un giorno potrò rientrare in Palestina, a Ramallah insieme a Gesù, nel Regno di Dio. «Ora mi chiamo Joseph (Giuseppe)», spiega fin dall'inizio. Poco prima mi aveva accolto con qualche frase araba: «Ahalan wasahalan (sono molto contento di averti qui)»; e poi passando all'ebraico ha sorriso: “Shalom, ma nishma (come va)?”.
Ci conoscemmo quattro anni fa, davanti alla prigione militare al Campo Ofe, solamente mezzo chilometro dalla casa di famiglia nella città di Bitunia, vicino a Ramallah.
Suo padre HassanYousef (Abu Masab), al tempo non ancora membro del Parlamento, era uno dei fondatori di Hamas in Cisgiordania e uno dei capi dei prigionieri che doveva essere liberato dopo vari anni passati in carcere a causa della sua appartenenza all'organizzazione. Per pianificare un'intervista con lui dovetti parlare col suo figlio maggiore, Masab, che, si pensava allora, avrebbe preso parte negli affari politici del padre per il futuro.
Quando lo vidi nel parcheggio della prigione, fui molto sorpreso dalla sua apparenza.
Si discostava notevolmente dall'abbigliamento previsto per i parenti di un capo di Hamas. Sbarbato, nemmeno un pizzetto, sfoggiava una capigliatura occidentale, jeans e una giacca di pelle da motociclista. Ma il tumulto dei media all'apparizione di suo padre mi fece dimenticare quel suo aspetto così
"fuori luogo".
Da quel giorno, il giovanotto non è cambiato tanto. Ha trent'anni e ha perso vari chili (“perché non mangio tanto”), ha i capelli corti, è abbronzato e assomiglia al solito israeliano californiano. La maggior parte dell'intervista è in inglese, per consentire al suo amico Ryan di seguire. «Da bambino sono
cresciuto in una famiglia molto religiosa, tirato su col principio dell'odio per gli israeliani. La prima volta che ne incontrai alcuni fu a dieci anni, quando dei soldati entrarono in casa nostra e arrestarono mio padre. Fino a quel momento non ero mai stato separato da lui. In famiglia non sapevamo nulla delle circostanze dell'arresto. La sua appartenenza ad Hamas era una questione segreta e sicuramente non pensavamo che fosse uno dei fondatori. Io non capivo nulla di politica o di religione. Sapevo solo che l'esercito israeliano aveva arrestato mio padre varie volte, e per me lui era tutto: un uomo buono e affettuoso che avrebbe fatto qualsiasi cosa per me. Si prendeva cura di noi, ci faceva regali, dava tutte se stesso, mentre i soldati erano quelli che entravano in casa e lo strappavano via da me. Alle superiori studiai la sharia, la legge islamica. Nel 1996, a diciotto anni, fui arrestato dalle Forze di Difesa israeliane perché ero il capo della Associazione islamica della mia scuola, una sorta di movimento per i giovani dell'organizzazione. E’ così che è iniziato il mio risveglio».
Cosa successe?
«Fino a quel memento sapevo di Hamas solamente tramite mio padre, che conduceva una vita da persona buona e modesta. All'inizio ammiravo l'organizzazione, ma più che altro perché ammiravo mio padre così tanto. Ma nei sedici mesi che trascorsi in prigione fui messo davanti alla vera faccia di Hamas. E’ semplicemente un'organizzazione negativa, essenzialmente negativa. Ero lì, a sedere nella prigione Megiddo e capii cos’ era la vera Hamas. I loro capi ricevevano condizioni migliori, il cibo migliore, più visite dalle famiglie e anche asciugamani per la doccia. Queste persone non hanno alcun senso di moralità, non hanno integrità. Ma non sono stupidi come Fatah, che deruba davanti a tutti e quindi viene subito sospettata di corruzione. La gente di Hamas riceve denaro in modi disonesti, lo investe segretamente mantenendo uno stile di vita apparentemente semplice. Ma prima o poi userà questi soldi e fregheranno tutti. Nessuno quanto me conosce loro e il loro modo di operare. Per esempio, mi ricordo che la famiglia di Saleh Talameh, membro del braccio militare di Hamas assassinato da Israele, fu costretta a supplicare per assistenza finanziaria perché fu lasciata a mani vuote dopo la sua morte. I capi di Hamas li abbandonarono come anche le famiglie di altri shaheeds (martiri), mentre i membri superiori dell'organizzazione sprecavano decine di migliaia di dollari al mese solo
per la sicurezza personale».
Per esempio?
«Anche alcuni dei capi attuali di Hamas furono coinvolti in passato nel "braccio di sicurezza" nelle prigioni. Erano sospettosi nei confronti dei prigionieri che passavano troppo tempo nel bagno, anche se solo per problemi di stomaco. Sospettavano che il prigioniero stesse passando delle informazioni oppure che stesse avendo rapporti sessuali con altri uomini. Un omosessuale. I gay erano immediatamente sospettati di collaborare con il nemico. Fu lì che capii che non tutti i membri di Hamas erano come mio padre. Lui è un uomo buono e amichevole, ma io scoprii la malvagità dei suoi colleghi. Dopo il mio rilascio, persi la fede che avevo in quelli che apparentemente rappresentavano l'islam».
Ti torturarono?
«No. Io godevo di una sorta di immunità dato l'alto rango di mio padre». Masab Joseph ha cinque fratelli e due sorelle. Li sente regolarmente e li tiene aggiornati della sua situazione. Allo stesso tempo, fino a poco tempo fa, non aveva detto alla sua famiglia della sua conversione al cristianesimo, e al momento dell'intervista suo padre lo sheikh ancora non lo sa. Nonostante la segretezza della conversione, a volte Masab Joseph sembra proprio un missionario veterano che cerca di cambiare comunità intere.
«Vedrai, questa intervista aprirà gli occhi di tanti, darà una scossa alle radici dell'islam, e non sto esagerando. Conosci altri figli di capi di Hamas, educati con i principi dell'islam estremista, che gli vanno contro? Anche se non sono mai stato un terrorista, ero parte di loro, circondato sempre da loro».
Come sei venuto in contatto con il cristianesimo?
«Tutto iniziò circa otto anni fa. Ero a Gerusalemme e ricevetti un invito per andare a sentire parlare del cristianesimo. Sono andato per pura curiosità e mi sono ritrovato molto entusiasta di quello che avevo sentito. Ho iniziato a leggere la Bibbia quotidianamente e ho continuato le lezioni di religione. Tutto questo, naturalmente, in segreto. Ero solito viaggiare fino alle colline di Ramallah, posti come il quartiere al Tira, per mettermi a sedere silenziosamente a leggere la Bibbia davanti al paesaggio incredibile. Un versetto come "Ama il tuo nemico" ebbe un impatto enorme sudi me. A quel punto ero ancora musulmano e pensavo che sarei rimasto tale.
Ma ogni giorno vedevo le cose terribili fatte nel nome della religione da quelli che si consideravano "grandi credenti". Ho approfondito i miei studi sull'islam ma senza trovare nessuna risposta. Ho riesaminato il Corano e i principi della fede trovandoli errati e fuorvianti. I musulmani hanno adottato riti e tradizioni da tutte le religioni che si trovarono intorno».
Obietto che questo è ciò che fecero tutte le religioni, ma lui non risponde direttamente. “Io penso - continua - che il cristianesimo ha vari aspetti. Non è solo una religione ma una fede. Ora vedo Dio tramite Gesù e posso parlare di lui per giorni e giorni di fila, mentre i musulmani non potrebbero dire niente di Dio. Per me l'islam è una grande menzogna. Quelli che presumibilmente rappresentano la religione ammirano Maometto più che Dio, uccidono persone innocenti nel nome dell'islam, picchiano le proprie mogli e non hanno un'idea di chi sia Dio. Senza dubbio andranno all'inferno. Io ho solo un messaggio per loro: c'è solo un percorso per il paradiso: quello di Gesù che si è sacrificato sulla croce per tutti noi”.
Quattro anni fa ha deciso di convertirsi e dice che nessuno della famiglia lo sapeva. «Solo i cristiani che conobbi e con i quali stavo seppero della mia decisione. Per anni aiutai mio padre, il capo di Hamas, e lui non sapeva che mi ero convertito, solamente che avevo amici cristiani».
Mi ricordo come ti vestivi al tempo. Come era accolto il tuo aspetto in Hamas?
“Devi capire che non sono mai stato uno di loro. Anche se aiutavo mio padre e lo accompagnavo, io ero sempre contrario all'uso del terrorismo. Ai membri di Hamas non piacevo. Non andavo a pregare nelle moschee, stavo con estranei. A loro non piaceva la mia giacca di pelle, tanto meno i miei jeans. La consideravano una deviazione dalla retta via. Ma io aiutavo mio padre nei suoi affari perché era mio padre, non perché era un capo di Hamas. Non sono un attivista di Hamas convertito al cristianesimo. Non è quella la storia. Volevo aiutare mio padre a capire che fare del male a gente innocente è proibito e tramite lui volevo magari cambiare il modo di pensare anche degli altri”
Qual è l'atteggiamento di Hamas verso i cristiani? E quello di tuo padre?
«Quando stavo con mio padre, io, in sostanza, spingevo un capo moderato di Hamas a prendere decisioni logiche, come quella di fermare gli attacchi per stabilire due Stati uno di fianco all'altro. lo mi sentivo responsabile. Era meglio che ci fossi io lì piuttosto che una banda di scemi ad avvelenargli la mente. Io provai a capire quelle persone, i loro pensieri, in modo da cambiarli da dentro tramite una persona forte come mio padre, che nel passato ammise con me di non appoggiare gli attacchi suicidi. Lui pensa che fare del male a persone innocenti dia una brutta reputazione all'organizzazione.
Lo sheikh mi disse una volta che quando vede un insetto fuori casa sta molto attento a non fargli del male, "quindi cosa posso dire riguardo il fare male ai civili?"».
«Ma dentro Hamas c'erano altri capi, più che altro dalla striscia di Gaza e da Damasco, che pensavano di dover proseguire con gli attacchi suicidi come un modo efficace per raggiungere il loro scopo. Il problema era che loro avevano più potere di mio padre. Furono gli attacchi israeliani contro i capi di Hamas che aiutarono a fermare gli attacchi».
Quanto era coinvolto tuo padre nelle decisioni di Hamas?
“Lui non aveva alcun nesso con il braccio militare, ma lo consultavano sempre
nelle decisioni strategiche. I capi di Hamas non prendevano decisioni solo in base alle opinioni dei capi dalla Siria o da Gaza. Comunque, devi ricordarti che i capi di Hamas a Damasco controllavano i fondi.
Quindi l'influenza maggiore sulla politica dell'organizzazione veniva da loro. Loro erano anche gli unici senza restrizioni nel contattarsi l'un l'altro, al contrario dei capi in Cisgiordania o Gaza. Quindi i capi da Damasco servivano anche come intermediari per tutti i gruppi di Hamas. A proposito, ora dichiarano che la rivoluzione a Gaza non fu progettata, io posso dirti per conoscenza personale che un anno prima, nell'estate 2006, parlavano fra loro dicendo che se fossero continuate le tensioni con Fatah, si sarebbero adoperati per prendere il controllo della Striscia”.
Masab Joseph ascolta la musica del cantante Eyal Golan nel suo tempo libero. “Sono dieci anni che ascolto la sua musica”, dice. “Mi piace la sua voce ma non capisco sempre i testi”. In ogni modo, il suo cantante preferito è Leonard Cohen, “è un ebreo canadese”, spiega. Masab Joseph ha una laurea in geografia e storia alla al Quds Open University a Ramallah, ma fa fatica a trovare lavoro negli Stati Uniti. Ha tanto tempo libero e segue lezioni di religione e servizi di preghiera in chiesa almeno una volta la settimana. Ogni tanto gioca a football con gli amici della parrocchia e poi c'è il surf, che è praticamente un dovere. Dopo tutto, questa è la California.
Mentre lavorava nell'ufficio di suo padre, conobbe capi di Hamas ma anche membri dei Servizi di sicurezza palestinesi e israeliani e anche giornalisti israeliani, che spesso parlavano con lo sheikh.
Non nasconde che lui era a favore del contatto con i media israeliani e che ha quasi sentimenti amichevoli verso Israele. “Porta i miei saluti ad Israele, mi manca”.
 
Segnala ad un amico
COMMENTI
13-3-2009 • DANIELE CRISTOFORI
Molte volte, nel corso della storia, le Religioni sono divenute una bandiera sotto la quale combattere guerre sanguinose e nel nome di Dio si sono spesso compiute azioni esecrabili. Il tempo che stiamo vivendo rischia di veder di nuovo usato quel nome per avvalorare dissidi di ben altra natura ed assolutamente lontani da quanto i diversi credo religiosi predicano. Nel caso del temuto conflitto fra l’Islam e l’Occidente Cristiano, i discepoli di Maometto, o alcuni di essi, si appoggiano sulla sacra scrittura del Corano per fomentare l’odio contro i Cristiani e questi, dal canto loro, si aggrappano alla missione, loro affidata da Cristo, di diffondere il Vangelo, per rimarcare le differenze dogmatiche fra il proprio credo e quello dei fedeli di Allah, erigendo così fra la religione di Cristo e quella di Maometto un muro invalicabile. In realtà il Corano non esprime odio alcuno per le Religioni del Libro (Ebrei e Cristiani) ed invita anzi i credenti nei tre messaggi a gareggiare fra loro in opere di bene. Quanto ai Cristiani, non v’è dubbio che Gesù abbia dato loro il compito di testimoniare la buona novella fino agli estremi confini del mondo, ma non dovrebbe venir dimenticato ciò che Egli indicò come autentica testimonianza della fede in lui, l’amore. Dal Corano (Sura della Mensa - 5,45-48): Coloro che non giudicano con la rivelazione di Dio sono iniqui. Sulle orme dei profeti facemmo camminare Gesù, figlio di Maria, a conferma della Torah ricevuta prima di lui, e gli demmo il Vangelo pieno di retta guida e luce, che conferma la Torah rivelata in precedenza e che è una direzione e un avvertimento per chi teme Dio. Dunque la gente del Vangelo [=I Cristiani] giudichi secondo ciò che Dio ha in esso rivelato, perchè quelli che non giudicano secondo la rivelazione di Dio sono empi. E a te abbiamo rivelato il Libro secondo verità [=il Corano] a conferma delle scritture rivelate prima e a loro salvaguardia. A ognuno di voi abbiamo dato una regola e una via. Se Dio l'avesse voluto, avrebbe fatto di voi un solo popolo; non lo ha fatto, per provarvi in ciò che vi ha dato. Gareggiate dunque nel compiere opere buone. Tornerete tutti a Dio, ed allora egli vi farà conoscere quelle cose per le quali ora siete in discordia. Giov. - Cap. XIII, 34-35 «Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri».
 
 
 
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467