logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


INTEGRALISTI ISLAMICI LAPIDANO IN SOMALIA UNA VENTITREENNE

E’ questo il risultato della sharia, simbolo di un’altra civiltà
Voglio andare controcorrente. Mi sto convincendo che le ragioni di coloro che migrano nel nostro paese intendendo portarsi in Italia le proprie regole, le proprie leggi e la propria cultura, magari imponendola anche a noi occidentali, abbiano proprio ragione. Si perché un pakistano che ha vissuto 30 o 40 anni ad Islamabad, dove vige la legge islamica, ed improvvisamente si trova a vivere nel nostro paese o in una qualsiasi nazione occidentale, non può accettare i nostri “ignobili” sistemi di vita. Non può accettare la nostra visione dell’uomo e della donna, non può accettare il valore di una vita umana, cosi come la intendiamo noi. E’ giusto allora che le donne siano coperte dal burka e non frequentino scuole e università, perché questo è ciò che prescrive loro la legge. E’ giusto che una figlia possa essere reclusa in casa, perché manifesta l’intenzione di essere e vivere come tutti i suoi coetanei occidentali. E’ normale che si arrivi ad uccidere la propria figlia, proprio come ha fatto a Brescia nell’agosto del 2006, Mohammed Saleem padre della giovane Hina che ha dichiarato dopo essere stato arrestato: "Non volevo che diventasse come le ragazze di qui. Le avevo chiesto di cambiare vita, ma lei non voleva". Che Dio ce ne scampi e liberi! E’ giusto e comprensibile e noi non siamo autorizzati a dire niente. Non ci dobbiamo permettere di proferire alcunché, su argomenti come questi e, ancor di più, non ci dobbiamo permettere di sollevare obiezioni e critiche nei confronti di coloro che vedono la vita umana, attraverso gli occhi dell’estremismo coranico. Attenzione, chi apre bocca è un razzista. Chi si permette di giudicare uomini che seviziano donne e bambini come previsto dalla legge islamica è uno xenofobo, è un intollerante, è un nazista. Allora assistiamo zitti ed impotenti, all’ennesima tragedia, prodotta dall’integralismo islamico. Questa volta è toccato a Aisha Ibrahim Dhuhulow, 23 anni somala, gravemente colpevole di essere un adultera quindi condannata alla lapidazione così come previsto dalla sharia. La peccatrice ha avuto quel che meritava. Condotta all’interno dello stadio nella città di Chisimaio, nel sud della Somalia, dove nel frattempo era stata preparata una buca, è stata sepolta tranne che per collo e testa, per attendere la valanga di pietrate lanciate da una folla inferocita e sbavante. Una vera e propria esecuzione popolare, legalizzata da uno stato islamico. Poi il tentativo di un familiare di prestare soccorso, alla giovane criminale, ha scatenato un tafferuglio e la milizia armata non ci ha pensato due volte ed ha fatto fuoco sulla folla. Si parla di un bambino ucciso dai proiettili. Poco importa, giustizia è fatta. Gli al shabaab (il cui nome ometto volutamente di scrivere maiuscolo) hanno ottenuto ciò che volevano: una morte orribile per chi infranto le leggi islamiche ed un messaggio alla popolazione ed al mondo intero: nei territori da noi controllati si applica l’unica legge che conosciamo e riconosciamo, quella islamica. Ed alla luce di questi eventi, noi cosa facciamo? Infiliamo la testa sotto la sabba come gli struzzi. Ma tutto questo è giusto, è ordinario è normale. Perché la civiltà imposta dagli al shabaab in Somalia, come quella imposta in tanti altri angoli remoti del mondo, non è una civiltà inferiore, ma un’altra cultura, un'altra educazione, che deve essere accettata, rispettata e se qualcuno vuole, anche condivisa.
Perché no!!!
 
Segnala ad un amico
COMMENTI
11-11-2008 • ALESSANDRO MAINA (Milano)
Quando qualcuno provò a dire che molti seguaci dell'Islam facevano parte di una civiltà inferiore, tutti gridarono allo scandalo, alla vergogna. Fu dato proprio del razzista a chi si permise di pronunciare tali affermazioni. Credo che chi ha detto ciò, abbia avuto solo il coraggio di dire pubblicamente, ciò che tutti pensano, ma a causa della "politically correct" sono argomenti che nessuno si deve permettere di aprire. Io penso che il grado di "civiltà" di una "civiltà" (scusate il gioco di parole) si dimostra proprio attraverso queste cose e credetemi, di civile in questi fatti non c'è assolutamente niente. Credo che chiamare civiltà tutto questo, sia veramente troppo. Complimenti. Condivido andate avanti così.
14-11-2008 • SIMONE
Non posso che essere critico verso questo articolo. Nella sharìa si ritrovano tutti i fondamenti di una sana e democratica società. Prendete ad esempio questo estratto dal Codice Penale "per la lapidazione, le pietre non dovrebbero essere tanto grosse da uccidere il condannato al primo o secondo colpo, né tanto piccole da non poter esser definite vere e proprie pietre". Sfido chiunque a definire barbara la società che emana tali leggi. Non solo si evitano inutili spese legali, ma notate la delicatezza nel pensare anche alle povere persone che lanciando un sasso devono aver cura di misurarlo. Immaginiamo un confronto con la nostra statica società; Una donna tradisce il marito ITALIA 1) Il marito è contento e stappa una bottiglia di champagne da discount (la crisi è crisi) 2) Il marito chiama un investigatore privato (carissimo) cercando di incastrare l’adultera con riprese e foto da dare, in seguito, ad un avvocato (carissimo) che cercherà di provare il tutto davanti ad un giudice. 3) Il marito chiede il divorzio ritrovandosi senza casa e con lo stipendio decurtato. 4) Il marito ingaggia un killer, che sicuramente fallirà innamorandosi della moglie infedele. 5) Menage a trois PAESI DOVE VIGE LA SHARIA Si prende l’adultera, si sotterra fino alle spalle e si lapida (usando sassi adeguati per non incorrere in sanzioni) Mi sembra ovvio che la sharia è immensamente più pratica e democratica (fa pure rima) E chi non è d’accordo sicuramente è un RAZZISTA !
 09-12-2009 • FRANCO MASINI
Che vengano pure, che lavorino, che si creino una famiglia e continuino con i propri costumi e le tradizioni ma in casa, all'interno delle proprie abitazioni perché fuori, nella strada siamo tutti uguali: Cristiani e Musulmani e tutti possiamo andare a mangiare al ristornate o a scuola o al cinema o all'Ospedale. cI MANCHEREBBE ALTRO CHE SI VEDESSERO DONNE COL BURKA PER STRADA in Italia! Magari per reecarsi a casa di qualche parente, a una festa del loro paese, ma non nella strada, non nella scuola dove ci deve essere piena integrazione. Altrimenti che si fa, dobbiamo essere noi a cambiare costume per loro? Ma nemmeno per sogno!
28-01-2012 • FRANCO MASINI
Dico solo che un po' di misericordia questi tizi la potrebbero anche avere, no? Immagini e pratiche come queste nuocciono all'umanità che dovrebbe essere improntata sull'esempio di Gesù: "Scagli la prima pietra....." . Questo secondo me, è fondamentale.
 
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467