logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


NONIE L'ANTI-ISLAMOFASCISTA È «LA PIÙ ODIATA DEL MONDO ARABO»
di Valentina Colombo
(articolo tratto da "Tempi" - n° 50 - Dicembre 2007)
Il 24 ottobre Nonie Darwish, egiziana residente negli Stati Uniti, ha partecipato all'inaugurazione della settimana per la Consapevolezza dell'islamo-fascismo tenutasi all'università di Berkeley. L'atmosfera intorno a lei era tutt'altro che distensiva. Un giornalista di al Jazeera le ha subito detto: «Sei la donna più odiata nel mondo arabo». Nel pubblico alcuni le hanno gridato: «fascista», «razzista». La replica di Nonie, da sempre in prima fila nella lotta al terrorismo islamico, è stata netta e chiara: «Chi parlerà allora per le donne che vengono lapidate e per i musulmani terrorizzati nei paesi musulmani radicali? È triste constatare che ho lasciato la cultura della sharia, dove non avevo libertà di parola, solo per essere zittita in America, da gruppi che sostengono di essere a favore della libertà d'espressione». Ecco il problema: molto spesso l'integralismo islamico e quello della sinistra occidentale si incontrano. I taglia-lingua esistono sia nel mondo arabo sia in Occidente, e come dice la Darwish «i delitti d'onore e la mutilazione genitale femminile possono essere tollerati, ma nessuno oserebbe pronunciare l'espressione "islamo-fascismo"». Cosa che vale, ad esempio, per il burqa, ammesso in Italia e per lo più inesistente nel mondo islamico. Nonie è cristallina: «Di fatto il termine islamo-fascismo è stato coniato da musulmani ed ex musulmani algerini per descrivere i fanatici islamici che trucidarono 150 mila connazionali negli anni Novanta. La guerra globale che stiamo combattendo contro l'islamo-fascismo e il jihad non riguarda solo le bombe e gli aerei dirottati, ma anche la tirannia e l'oppressione delle donne». Le donne infatti sono le prime vittime dell'estremismo islamico. E le femministe alla Franca Rame, favorevoli al burqa, farebbero bene a ricordare il monito di Nonie: «Le femministe occidentali dovrebbero usare un unico metro per la società occidentale e quella islamica. Chiunque lotti per la libertà umana deve aiutare i dissidenti musulmani, uomini e donne, che rischiano la vita per affermare i diritti delle donne nel mondo islamico».
valentina.colombo@imtlucca.it
 
Segnala ad un amico
COMMENTI
- - -
 
 
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467