logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


SI RIBELLA E IMPARA L'ITALIANO DI NASCOSTO.
STUPRATA E SEGREGATA DAL MARITO

Vicenza, una giovane di origine marocchina è riuscita a fuggire dall’inferno familiare. L’uomo è indagato e gli è stato notificato il divieto di avvicinarsi a lei
di Romina Varotto
(articolo tratto da "CorrieredelVeneto.it"- Settembre 2010)
Costretta dalla famiglia, a poco più di 20 anni, a sposare un uomo conosciuto solo tre giorni prima del matrimonio, ha dovuto subire le angherie della madre e della sorella del marito, il quale non ha esitato a picchiarla, violentarla e segregarla in casa. Samia (il nome è di fantasia, a tutela della vittima), una giovane di origine marocchina, è riuscita però a fuggire dalla prigionia di quell’appartamento nell’Alto Vicentino e a chiedere aiuto ai carabinieri. Ora il marito è stato indagato per violenza sessuale, sequestro di persona e lesioni. Samia, oggi, ha ricominciato un’altra vita, da persona libera. La disavventura di questa giovane e coraggiosa donna, ha inizio poco più di un anno fa, in Marocco, quando i genitori decidono, dopo il matrimonio della primogenita, che è giunto il momento di sistemare anche la seconda di sei figlie femmine. Samia accetta il volere della famiglia, che l’ha promessa in sposa a un uomo di dieci anni più grande di lei e che le viene presentato solo tre giorni prima delle nozze.
Dopo il matrimonio, la donna lo segue in Italia, nella casa dove lui già viveva con la madre e la sorella, in provincia di Vicenza. La solitudine in un paese sconosciuto spinge Samia a scrivere un diario, che ora è in fase di traduzione perché oggetto di indagine, a cui affida i suoi pensieri e le sue emozioni: «Ho fatto questa scelta. Era importante per i miei genitori. Ora voglio solo essere una brava moglie», scriveva. La convivenza con la famiglia del marito, però, si fa subito difficile. Rivalità tra donne nel contendersi il focolare domestico e il bisogno di ristabilire i ruoli in casa sono forse all’origine delle continue critiche rivolte alla neosposa. Suocera e cognata, infatti, la rimproverano di non essere all’altezza dei suoi compiti, di non saper fare nulla. Stanca, Samia confida al marito la sua difficoltà e il malessere per i continui rimproveri. La sua richiesta d’aiuto viene però interpretata dal marito come un segno di ribellione della giovane moglie alle giuste regole di comportamento. Così come la sua richiesta di imparare la lingua italiana. Cominciano così le botte e i maltrattamenti, intesi dall’uomo come strumento per rimettere in riga Samia e insegnarle ad essere più remissiva. Per nove mesi Samia accetta in silenzio, impara l’italiano di nascosto prendendo appunti dalla televisione, cerca di evitare litigi. Fino a una sera ai primi di giugno, quando la donna rifiuta di fare l’amore col marito. L’uomo la picchia. Sberle e pugni al viso. La costringe con la forza ad avere un rapporto sessuale, ignorando le sue lacrime. Poi la chiude a chiave in casa per diversi giorni. Forse perché spera che segregandola nessuno possa vedere i lividi ed evitare che lei possa denunciare l’accaduto. Per Samia è troppo. Riesce a fuggire. Lo denuncia ai carabinieri, che le indicano un’associazione. Ora Samia vive presso una famiglia disposta a ospitarla. Ha trovato un lavoro. E la serenità lontana da quell’uomo.
 
Segnala ad un amico
COMMENTI
- - -
 
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467