logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


I NOSTRI MARTIRI DI SERIE B
Immaginate che cosa accadrebbe se, in un paese occidentale, si scatenasse un pogrom antimusulmano con nove innocenti bruciati vivi. Invece, quando avviene in Pakistan e a morire sono i cristiani...
di Magdi Cristiano Allam
(articolo tratto da "Panorama" - 7 Agosto 2009)
Immaginatevi se oggi in uno Stato occidentale a maggioranza cristiana si consumasse un pogrom ai danni dei musulmani, con l’assalto di migliaia di fanatici che bruciano vivi nove innocenti tra cui bambini e donne intrappolati in decine di case date alle fiamme, sparano all’impazzata con armi da fuoco ferendo gravemente centinaia di persone, distruggono quattro moschee, accusando indiscriminatamente i musulmani di essere dei nemici da eliminare nel nome di Dio e dei suoi profeti. Ebbene senza ombra di dubbio ci sarebbe una sollevazione generale della comunità internazionale. Interverrebbero il Segretario Generale, il Consiglio di sicurezza e l’Assemblea Generale dell’Onu per esprimere sdegno per l’atto barbarico; il Presidente della Commissione e il Parlamento Europeo condannerebbero la violenza cieca contro i musulmani; l’Organizzazione per la Conferenza Islamica e la Lega Araba decreterebbero la rottura di ogni rapporto con quello Stato cristiano, eserciterebbero pressioni affinché il resto del mondo faccia altrettanto, aizzerebbero i musulmani del mondo a protestare e vendicare la strage dei propri “fratelli”; Al Qaeda, i Fratelli Musulmani e l’insieme dei gruppi estremisti e terroristi islamici annuncerebbero la condanna a morte degli infedeli da infliggere tramite gli attentati suicidi; le televisioni, le radio, i giornali e i siti internazionali scatenerebbero una campagna mediatica contro l’atroce islamofobia; i governi e i parlamenti dei paesi europei, a cominciare da quelli che accolgono un gran numero di musulmani, deplorerebbero, si scuserebbero e annuncerebbero drastiche misure a protezione di fedeli di Allah; il Vaticano e le Chiese cristiane prenderebbero le distanze dai cristiani assassini, rassicurerebbero sull’alleanza tra le religioni monoteiste, rivelate e abramitiche, sosterrebbero l’inviolabilità del diritto alla libertà religiosa dei musulmani ovunque nel mondo. Eppure nulla di tutto ciò è accaduto per il pogrom ai danni dei cristiani che si è consumato la scorsa settimana a Gojra, provincia di Faislaband in Pakistan, negli stessi termini con cui ho descritto un immaginario pogrom di musulmani. In un contesto in cui i cristiani subiscono da anni stragi, repressioni e discriminazioni in gran parte dei paesi islamici. La verità è che il nostro Occidente cristiano è succube dell’ideologia dell’islamicamente corretto, è più islamico degli stessi islamici, fa per loro ciò che non fa per se stesso, consente loro di fare ciò che noi non ci sogneremmo mai di fare. Perché la paura ci ha portato a incurvare la schiena di fronte ai musulmani che controllano le moschee, le scuole coraniche, gli enti finanziari e i tribunali islamici insediati dentro casa nostra; ai musulmani che dispongono del petrolio, del gas e dei fondi sovrani in cambio dei quali siamo pronti a svendere i nostri valori; ai musulmani che istigano le masse e promuovono il terrorismo contro gli ebrei, i cristiani, gli infedeli e gli apostati. Per la paura che ci taglino la testa ci siamo tagliati da soli la lingua. Non vediamo, non parliamo, non sentiamo se non quando è opportuno difendere i musulmani. Ma abbiamo annullato la nostra dignità e libertà. E sarà sempre più difficile salvare questo Occidente cristiano votato al suicidio!
 
Segnala ad un amico
COMMENTI
- - -
 
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467