logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


ITALIANI RAZZISTI?

NON AFFIBBIATECI UN’ETICHETTA CHE NON MERITIAMO
di Alessandro Gabriele
Presidente dell'Associazione "Occidens"
Ancora una volta il nostro Paese si divide in due, per discutere sul nuovo argomento che tiene banco in questi giorni. Dopo fascismo ed antifascismo, Patto di Varsavia o Patto Atlantico, comunisti o anticomunisti, meridionali o settentrionali, gioco a zona o gioco a uomo, la nuova disputa riguarda il rapporto dell’italiano medio con lo straniero, l’immigrato. Ma noi italiani siamo razzisti oppure no? Visto e considerato che tale antinomia coinvolge in prima persona anche le argomentazioni che la nostra Associazione porta avanti, sentiamo il dovere di dare, anche noi, un contributo alla discussione, aprendo il dibattito con i nostri iscritti e con tutti i navigatori che quotidianamente ci visitano. E’ nostra opinione che su tale questione si stia cercando di sollevare un polverone con fini politici. Come spesso avviene proprio in Italia, si rende necessario affibbiare ai pro o ai contro un’etichetta di estrazione ideologica . Si sfrutta, insomma, una sorta di traccia che giornali e televisioni stanno dando ingigantendo notizie che, in altri momenti, avrebbero occupato le colonne delle brevi di cronaca. Siamo d’accordo, e non ci dispiace dirlo, con Vittorio Feltri, che dalle pagine del suo giornale scrive:

“Nelle redazioni, al momento della riunione programmatica, in questi giorni si ragiona all'ingrosso, hanno menato un negro. Ok. Titolo di testata e richiamo in prima pagina. Poi: hanno picchiato un pensionato e gli hanno rubato il portafogli. Vabbé, cazzate. Una breve in cronaca. Sembra di essere tornati all'epoca di Sirchia ministro della Sanità quando si scopri che i cani mordevano. La mattina, per settimane, arrivava la notizia: un altro azzannato da Fido. Anche i barboncini erano guardati con diffidenza. E avanti con i titoli dedicati alla pericolosità dei pastori tedeschi e affini. All'improvviso, i cani sono scomparsi dalla scena. Fine, vigliacco se ce n'è uno che affili i denti in qualche polpaccio. Adesso vanno di moda i razzisti. Hanno strangolato la lattaia? Chissenefrega. Ma se la lattaia fosse somala, ciao, cinque pezzi non sarebbero sufficienti. Ogni minuto rapinano un farmacista o un benzinaio o un tabaccaio. Non importa, robetta. Ma se una fabbrica licenzia un senegalese, guai: grave episodio di razzismo. Intervengono le grandi firme a stigmatizzare. In Valseriana hanno licenziato seicento operai tutti bianchi. C'est la vie. Gente che va, gente che viene. Risultato. A forza di darci dei razzisti, l'Europa si è convinta che non abbiamo torto a fustigarci, e ci tratta come meritano i segregazionisti, con disprezzo”.

Crediamo che stia andando proprio così. Crediamo che la nostra società abbia bisogno di una serrata disputa. Ha la necessità di etichettare gli altri, cioè coloro che culturalmente non la pensano al nostro stesso modo. Ma è anche nostra ferma convinzione che gli italiani non siano affatto razzisti, non siano affatto xenofobi, non siano assolutamente intolleranti nei confronti dell’altro. La nostra storia, la nostra cultura, la nostra civiltà lo dimostrano ampiamente. Non commettiamo l’errore, poi, di fare di ogni erba un fascio. Non possiamo negare che anche la nostra società possa subire infiltrazioni deviate, infiltrazioni di persone che fanno ancora riferimento alla razza ariana. Ma dov’è che non vivono questi deficienti. Forse in Europa, dove avvengono in egual misura le stesse cose che avvengono da noi? O, per esempio, nel Sudafrica, nel paese simbolo della lotta al razzismo, laboratorio sociale dove convivono bianchi, neri e meticci e si festeggiano i 18 anni dalla fine dell'apartheid cacciando gli immigrati clandestini. Come scrive Daniele Mastrogiacomo su Repubblica:

“La presenza di almeno 80 mila fuggiaschi in tre grandi agglomerati alla periferia di Johannesburg era diventata insostenibile e molte amministrazioni, tra cui quella del Gauteng, la più importante del Sudafrica, ha pensato di raggirare l'ostacolo giuridico. Alcuni funzionari governativi si sono presentati nei tre campi della capitale finanziaria del gigante africano con una proposta che ha fatto subito breccia nella miseria generale in cui vivono questi dannati della Terra. Soldi in cambio del trasloco. Ammassati in tuguri, sfamati dal cibo portato ogni giorno dalla Croce Rossa, terrorizzati dall'idea di lasciare i recinti dove erano stati accolti per sfuggire alla violenza di altri immigrati, 80 mila mozambicani, somali e zimbabwesi hanno colto l'occasione al volo e si sono dispersi nel nulla. Per 300, a volte 500 rand (circa 45 euro), hanno raccolto i pochi stracci che avevano portato via delle loro vecchie case e hanno liberato i campi di Glenanda, Boksburg e Rand”.

E’ ciò che avviene ai nostri antipodi: come lo vogliamo chiamare? Il mondo, non solo l’Italia, sta vivendo un particolarmente difficile momento, non solo da un punto di vista economico e finanziario. Allora prendiamo spunto dall’affermazione che Luigi Manconi, dalle colonne dell’Unità, con il fondo “Razzismo meglio negare”, nel quale invita gli avversari politici a non sottovalutare ciò che avviene, ma a dire piuttosto:
“gli episodi di razzismo che si verificano, tendono ad aumentare e sono il risultato della politica irresponsabile della sinistra”.
Non siamo qui ad indicare il responsabile di una colpa. Ci sentiamo però di dire che la politica delle porte aperte sempre e comunque non ha certo aiutato l’integrazione. Anzi. Ha aiutato a modificare il sentimento comune, il diffuso e innato senso dell’accoglienza che è insito nello spirito degli italiani. Trovare disperati ad ogni angolo delle strade, sul sagrato di molte chiese, senza trascurare ogni incrocio o semaforo, non ha certo favorito l’integrazione e i buoni sentimenti verso lo straniero immigrato e magari clandestino. Che non è xenofobia. L’enorme ondata di extracomunitari ai quali è stata aperta ogni porta, senza alcun freno, non ha certo favorito il loro inserimento. Allora, per favore, non parliamo d’improvvisa esplosione di razzismo in Italia. Non siamo d’accordo. Non è così che stanno le cose, ma ricerchiamo a monte le cause di certi episodi. Racconta un amico missionario comboniano, che opera in una favelas a San Paolo in Brasile e che certamente ne sa molto di più, d’integrazione e disperazione, di tante belle teste pensanti che frequentano quei salotti buoni dove si chiacchiera e basta: “non date elemosina a chi pratica la questua ai semafori o agli incroci. Offrendo il vostro obolo li aiuterete a convincersi che questa è la strada migliore per guadagnare la giornata. Meglio insegnare a pescare che regalare un pesce”.

Come dargli torto?
 
Segnala ad un amico
COMMENTI
23-10-2008 • SANTE GHIZZARDI
Ieri mi sono recato, per questioni sportive, nella più importante piscina agonistica di Lucca. Ci vado da tanti anni, anzi negli anni 1981/1982 ero l'assistente del Direttore dei Lavori di costruzione del detto impianto. Ci vado per organizzare il più importante Trofeo di Nuoto agonistico di Lucca, che si svolgerà il 29 e 30 novembre, con la partecipazione dei migliori atleti delle Toscana e dintorni. Fuori del cancello un gruppetto di giovinastri si è piazzato d'improvviso davanti alla mia auto (era già buio) e mi ha fermato chiedendomi dove andavo e perchè ci andavo. L'I.T.I., che confina con la piscina era occupato! Sapete chi sono quei giovinastri? Quelli che danno a noi del razzista! Sono i figli dei sessantottini, da cui discesero le Brigate Rosse ed il fiume di sangue che sconvolse, per anni, l'Italia. Sono quei razzisti che impediscono agli studenti veri di studiare, agli insegnati veri di insegnare, alla scuola più arretrata d'Europa di progredire. Non facciamoci spaventare dal numero, noi siamo di più. Ho chiamto il 113 e quando sono uscito non c'erano più.
28-10-2008 • SIMONE
Sfortunatamente il razzismo ha accompagnato l’uomo fin dall’antichità. I Greci e i Romani definivano Barbari tutti quelli che non parlavano la loro lingua e avevano religioni, costumi e istituzioni diverse. Il Colonialismo sviluppò ulteriormente la teoria della supremazia della razza bianca. Nella metà del XIX secolo due opere letterarie posero le basi del razzismo. Sia in Europa che in America ebbe una grande diffusione. La Germania nazista rimane il vertice ineguagliato dell’applicazione delle teorie razziste. La discriminazione razziale delle persone di colore ha accompagnato l’America fino alla seconda metà del 900. L’Italia non è certo stata immune da tutto questo; nel 1938 emanò le tristemente famose “Leggi per la difesa della razza”. Ma torniamo ai giorni nostri..basta parlare con le persone per capire che la situazione non è delle migliori. Non credo che gli italiani siano diventati Filonazisti o tantomeno si siano messi a leggere Joseph Arthur Gobineau e Charles Darwin. Semplicemente la maggior parte delle persone, senza troppi giri di parole, si è rotta le balle di vedere il nostro amato paese invaso senza un minimo di criterio e di selezione. Le famiglie bisognose e in cerca di maggiore fortuna sono sempre state accettate. Il problema è che insieme a loro sono arrivate flotte di persone della peggior specie. Attratte non certo dalle bellezze storico-artistiche dell’Italia, ma forse da uno stato cosi’ debole da non riuscire nemmeno a mettere un minimo freno a questa ondata. Il risultato di tale capolavoro credo sia sotto gli occhi di tutti. La gente ormai ha paura..non solo nelle città, ma pure in quei paesini di campagna dove la pace regnava sovrana. Si richiede solamente uno stato più forte e più presente che almeno tuteli i cittadini dalla delinquenza dilagante.Tanto per gradire mettiamoci pure una bella crisi economica che nel giro di pochi anni ha messo in ginocchio intere famiglie…e per finire una dose di islamici ( estremisti? ) che scorrazzano impuniti per la penisola facendosi beffa della nostra religione, dei nostri usi e delle nostre istituzioni. Gli Italiani sono diventati razzisti…no, non credo…semplicemente si sono rotti le balle!!
02-11-2008 • ISABELLA ELLI
Semplicemente gli italiani non ne possono più. Non ne possiamo più.
17-12-2009• FRANCO MASINI
Bene! Siamo alla resa dei conti. Per anni, èper non dire secoli, abbiamo (noi Europei) depredato l'Africa e con l'aiuto degli arabi musulmani importato milioni di schiavi nelle nuove colonie d'America. Ora che il colonialismo e la schiavitù sono finiti (almeno ufficialmente) striamo rovinando il paese con le mono culture dalle quali trarre, da prima banane, anans, canna da zucchero poi, ltimaente, il mais non per mangiare si badi bene, ma per farne combustibile (ecodiesel)biologico a mio avviso una delle fonti non proprio rinnovabili, ma tant'é. Prima i governi appoggiavano i commercianti (vedi Inglesi in India)ora che per motivi politici non lo si fa più apetamente, si usano le Multinazionali 8del tabacco, della soia, del mais, del pesce, e della droga!). Che volete di più da un popolo quello africano che annovera fra i suoi abitanti dei bei cervelli che non sfigurano certo con noi? Non possiamo interessarci a loro ed accettarli solo quando sanno giocare bene a pallone ma sarà bene restituire il mal tolto senza considerare poi che l'inquinamento atmosferico, per la maggior parte causato dal Nord del Mondo, ebbene va a deprimere proprio loro, i più poveri che colpa proprio non ne hanno. A quando dunque un pò di rispetto per la vita umana? Vi spaventa perché sono neri? Ebbene pensate un pò, la maggior parte dei criminali o sono nostrani (vedi mafia e Cosa Nostra) o sono Slavi (Albenesi e Rumeni),ma siccome, furbescamente, sono entrati in Europa, siamo costretti a subirli ed anche a stare zitti.
 
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467