logo Associazione Culturale Occidens
 

Iscrizione newsletter
 
 
 





logo Il Domenicale

logo Corrispondenza Romana

logo rivista Tempi

logo Meeting Rimini

logo Fondazione Liberal

logo Portale delle Libertà


PROFESSORI PICCHIATI: E L’INTEGRAZIONE RESTA UN’ UTOPIA
La storia dell’istituto comprensivo “Verga” di Palermo: 220 studenti di 18 etnie diverse. Ma a dominare sono la violenza e il bullismo.

La nostra Associazione porta avanti, tra i punti cardine del suo programma, la lotta al fenomeno del bullismo giovanile. E in questo ambito un’altra preoccupante storia di malessere e sopraffazione ci giunge da Palermo, più precisamente dall’istituto comprensivo “Giovanni Verga” (primaria, media e tre classi per i bambini ricoverati negli ospedali “Di Cristina” e “Civico” di Ballarò, nel quartiere dell’Albergheria, centro storico sfigurato dall’emarginazione sociale. Frequentata da 220 studenti di 18 etnie diverse, con alunni provenienti da Senegal e Tunisia, Marocco e Ghana, Costa d’Avorio ed Etiopia, Cina e naturalmente Italia, questa scuola vanta un record in fatto di cosmopolitismo: non ne esiste un’altra simile in Sicilia, con una scolaresca culturalmente così eterogenea. Ma quanto a coesistenza tra gli studenti e rapporto con gli insegnanti, prevale lo sconcerto: l’integrazione è ancora una chimera. Non passa giorno che l’istituto non sia teatro di sopraffazioni e vendette, nelle aule, nei corridoi, nei bagni. Studenti contro studenti, con i professori non di rado a farne le spese. Una serie di episodi di violenza ha messo ora alla ribalta l’istituto. Il vicepreside ricoverato in ospedale con un trauma cranico, un’insegnante schiaffeggiata, un professore sgambettato e minacciato, sono solo gli ultimi episodi di una spirale di violenze e di bullismo. Davanti a un’escalation di tale portata, alcuni docenti hanno preferito cambiare aria, ottenendo il trasferimento verso lidi più tranquilli. L’istituto Verga, assieme ad altre 14 scuole palermitane, partecipa a un progetto contro la dispersione scolastica e a un altro, europeo, per favorire l’integrazione. Intenti e obiettivi certamente lodevoli, ma a quale prezzo?
 
Segnala ad un amico
COMMENTI
06-12-2008 • LUCIA MORENA
ANCHE NELLA MIA SCUOLA ESISTE IL BULLISMO, MA FINORA NON SI E' FATTO NIENTE DI CONCRETO PER DEBELLARLO: ESISTE ANCHE QUELLO VERSO NOI PROF.! OCCORRE PASSARE ALL' AZIONE! LE BELLE PAROLE SONO INUTILI. CHE FARE? UNA PROF. ALLO STREMO.
19-03-2009• PINA MAZZARA
ciao a tutti .sono una ex studentessa del verga anno 83 /85 leggendo quello che successo e che succede mi fa molta rabbia.oggi io vivo in america ,e ho dei bellissimi ricordi del g.verga ,2 anni fa dopo 25 anni che mancavo dall,italia sono ritornata in vacanza a palermo ho rivisto tutti i posti dlla mia infanzia ed anche il verga , mi sono soffermata davanti il cancello ed ho cominciato a piange ,di come tutto e cambiato attorno a quella scuola, e pensare che quando c,ero io il verga era una delle meglio scuole di palermo.ma perche si arriva ha tanto,e pensare che hai miei tempi quando il professore ci diceva 'domani vieni accompagnato dai tuoi genitori ' che paura ,ed adesso si arriva a tutto questo i miei piu cari auguri a tutti professori del 'verga'.
 
 
 
pulsante L'Occidente
Noi siamo impegnati a riaffermare il valore della civiltà occidentale come fonte di princìpi universali e irrinunciabili, contrastando, in nome di una comune tradizione storica e culturale, ogni tentativo di costruire un'Europa alternativa o contrapposta agli Stati Uniti.
pulsante l'Europa
Siamo impegnati a rifondare un nuovo europeismo che ritrovi nell'ispirazione dei padri fondatori dell'unità europea la sua vera identità e la forza di parlare al cuore dei suoi cittadini.
pulsante La famiglia
Siamo impegnati ad affermare il valore della famiglia quale società naturale fondata sul matrimonio, da tenere protetta e distinta da qualsiasi altra forma di unione o legame.
pulsante L'integrazione
Siamo impegnati a promuovere l'integrazione degli immigrati in nome della condivisione dei valori e dei princìpi della nostra Costituzione, senza più accettare che il diritto delle comunità prevalga su quello degli individui che le compongono.
pulsante La vita
Siamo impegnati a sostenere il diritto alla vita, dal concepimento alla morte naturale, a considerare il nascituro come "qualcuno", titolare di diritti che devono essere bilanciati con altri, e mai come "qualcosa" facilmente sacrificabile per fini diversi.
pulsante La libertà
Siamo impegnati a diffondere la libertà e la democrazia quali valori universali validi ovunque, tanto in Occidente quanto in Oriente, a Nord come a Sud. Non è al prezzo della schiavitù di molti che possono vivere i privilegi di pochi.
pulsante La religione
Siamo impegnati a riconfermare la distinzione fra Stato e Chiesa, senza cedere al tentativo laicista di relegare la dimensione religiosa solamente nella sfera del privato.

pulsante La sicurezza
Siamo impegnati a fronteggiare ovunque il terrorismo, considerandolo come un crimine contro l'umanità, a privarlo di ogni giustificazione o sostegno, a isolare tutte le organizzazioni che attentano alla vita dei civili, a contrastare ogni predicatore di odio. Siamo impegnati a fornire pieno sostegno ai soldati e alle forze dell'ordine che tutelano la nostra sicurezza, sul fronte interno così come all'estero.



 

OCCIDENS - periodico di cultura, politica, società - Reg. Tribunale di Lucca n° 902 del 26/08/2009 - Direttore Responsabile: Mauro Giovanni Celli

OCCIDENTE
| EUROPA | FAMIGLIA | INTEGRAZIONE | VITA | LIBERTA' | RELIGIONE | SICUREZZA
Associazione | Statuto | Come associarsi | Rassegna stampa | Contatti | Attività | Registrati al sito | Si sono già registrati | Forum | Incontri | Iniziative editoriali | Links | Video

ASSOCIAZIONE CULTURALE OCCIDENS - Cod. Fisc. 92040390467